Tumore della prostata

Tumore della prostata

I benefici dell’individuazione sono “ipotetici”

Ricercatori francesi  asseriscono che gli “INCONVENENTI” di un depistaggio sistematico del tumore della prostata “sono certi, i benefici sono ipotetici” perché “solo i risultati delle ricerche in corso consentiranno di far luce”.

Catherine Hill, epidemiologa all’Istituto Gustave-Roussy (Villejuif) e il Prof. Gérard Dubois (CHU di Amiens) denunciano “ la sovradiagnosi, ovvero il depistaggio attraverso il dosaggio del PSA dei tumori che non sarebbero mai diventati sintomatici”. “Inoltre, i trattamenti provocano spesso impotenza e incontinenza”.

Infatti, “trovare un tumore alla sua apparizione non è sufficiente a dimostrarne l’utilità per il paziente. Solo gli studi epidemiologici, che testimoniano di una diminuzione della mortalità, possono fornire una tale prova”, insistono. Il Prof. Gérard Dubois ha analizzato le raccomandazioni internazionali sul depistaggio e nella “Revue Canadienne de santé publique”, mette l’accento sulle loro eterogeneità. Egli stima, come anche Catherine Hill, che la pratica attuale del dosaggio dei marcatori tumorali, la quale è costata 63 milioni di euro all’assicurazione malattia nel 2003 è una “spesa non giustificata”.

L’Associazione francese di urologia, da parte sua, raccomanda il depistaggio individuale in tutti gli uomini in età dai 50 ai 75 anni, così come negli individui di origine africana o originari delle Antille o che hanno familiarità.

Ogni anno, in Francia,  vengono registrati oltre 50 000 tumori della prostata  e 10 000 decessi.

PH.R

Quotidien du médecin n. 8200

PUBBLICITÀ

Questa molecola è totalmente atossica (rif. Autorità Europea di Sicurezza degli Alimenti – EFSA 17/01/2001)

Negli anni 50, il Dr Solomides ha anche utilizzato questa molecola con il nome di Emulsov nella formula dei fisiatroni sintetici. Il Dr Bocquet (veterinario) ha dimostrato negli anni 60 che l’Emulsov aveva delle proprietà molto particolari soprattutto un’azione sui linfociti B e su certe cellule maligne.

Il Dr Lagarde Philippe negli anni 70 ha praticato una sperimentazione che ha dimostrato l’azione di potenzializzazione della chemioterapia convenzionale con l’Emulsov.
Per ragioni diverse, i fisiatroni sintetici sono stati vietati in Francia.
A partire dal 1999, numerosi studi hanno “riscoperto” le qualità di questa molecola.
Il Prof. Corpet ed i suoi collaboratori della Scuola Nazionale Veterinaria di Tolosa hanno constatato che essa aveva un’azione estremamente potente sui poliposi del ratto.
Altre squadre internazionali, americane e giapponesi in particolare, hanno confermato questi studi.

Clicca qui per saperne di più

Leggi altri articoli 

PREVENZIONE DEL TUMORE

CAUSE DEL CANCRO

...Oppure Contattaci

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Oggetto

Il tuo messaggio

Per approfondimenti e maggiori informazioni sul tumore al seno e sulle cure ad oggi disponibili visita il portale www.vivereconilcancro.it

 

 

Condividi
Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Email this to someone

Nessun commento ancora

Lascia un commento