L’evoluzione della strategia delle terapie anti-cancro dovrebbe seguire gli ultimi lavori di ricerca di base

L'evoluzione della strategia delle terapie anti-cancro dovrebbe seguire gli ultimi lavori di ricerca di base:

Non è questo il caso al momento. Esempio: biopsia sistematica.

L'infiammazione viene attivata ogni volta che viene attaccato un tessuto. Una delle sue missioni è promuovere la ricostruzione dei tessuti danneggiati. Questo aspetto dell'infiammazione viene deviato dal tumore per progredire verso uno stadio più avanzato.

Dopo un trauma, si forma un coagulo di sangue e le piastrine stimolano l'infiammazione reclutando macrofagi. I macrofagi secernono proteine ​​coinvolte nella ricostruzione del tessuto nel sito di lesione: EGF ricostruire il tessuto epiteliale, MMP rimodellare la matrice extracellulare e VEGF per rivascolarizzati zona lesa. Grégory Ségala (2015 - Futura Sciences – Lausanne).

L’infiammazione

Nel corpo umano, l'infiammazione viene attivata dalla lesione o infezione di un tessuto. Quindi con qualsiasi biopsia. L'infiammazione è causata da cellule nella zona danneggiata, come piastrine in un coagulo di sangue, che secernono fattori infiammatori come il fattore di crescita derivato dalle piastrine (PDGF). I fattori infiammatori consentono il reclutamento di cellule infiammatorie come i macrofagi nel sito danneggiato.

I macrofagi difendono il nostro corpo dai parassiti a livello del tessuto danneggiato, ma promuovono anche la ricostruzione dell'area del tessuto danneggiato (quindi durante il prelievo del tessuto). Aiutano la ricostruzione del tessuto secernendo enzimi, le metalloproteasi (MMP), che rimodellano la matrice extracellulare che è il cemento che circonda ciascuna delle nostre cellule per consentire l'infiltrazione delle cellule che ricostruiscono il tessuto:

- Cellule endoteliali per costruire nuovi vasi sanguigni;

- Cellule epiteliali per ricostruire l'epitelio

- Cellule del sistema immunitario per difendere il tessuto.

Durante l'infiammazione, l'angiogenesi viene stimolata a rivascolarizzare il tessuto ferito. D'altro canto, la proliferazione e la sopravvivenza delle cellule presenti nel sito di infiammazione sono favorite da fattori di crescita, come l'EGF, secreto dai macrofagi in modo che l'area danneggiata del tessuto venga riparata il più rapidamente possibile. Una volta che l'area lesa è stata adeguatamente riparata e non c'è tessuto canceroso, il processo infiammatorio si arresta, ripristinando l'equilibrio biologico del tessuto. Altrimenti, se esistono cellule maligne, il processo continuerà e progredirà.

Infiammazione pro-tumorale

L'infiammazione è un vantaggio per il tumore poiché una parte significativa del processo infiammatorio è dedicata alla ricostruzione del tessuto che sollecita i meccanismi coinvolti anche nella carcinogenesi. L'infiammazione tumorale è indotta da fattori infiammatori secreti dalle cellule tumorali, come il PDGF che recluta i macrofagi all'interno del tumore, agisce come un potente promotore del tumore: consente una più rapida progressione dell'oncogenesi. La proliferazione e la sopravvivenza che sono già sovra-attivate nelle cellule tumorali sono stimolate dall'infiammazione. L'angiogenesi, che è assolutamente necessaria per la crescita del tumore, è indotta dall'infiammazione. Degradando la matrice extracellulare, i macrofagi promuovono l'infiltrazione delle cellule tumorali in tessuto sano, che può favorire la progressione dell'oncogenesi a uno stadio invasivo.

Se un tumore secerne fattori infiammatori, come il PDGF, può reclutare macrofagi.

Le proprietà del macrofago nella ricostruzione del tessuto possono quindi essere utilizzate a beneficio del tumore per il suo sviluppo: queste proprietà stimolano la proliferazione delle cellule tumorali dell'angiogenesi tumorale e dell'invasione tumorale. © Gregory Segala

Tuttavia, l'infiammazione può agire contro il tumore poiché consente il reclutamento di cellule del sistema immunitario, alcune delle quali sono responsabili della rimozione delle cellule tumorali. Per deviare l'infiammazione a suo vantaggio, il tumore può creare un ambiente locale, chiamato microambiente tumorale, che svantaggia la risposta immunitaria antitumorale.

Microambiente tumorale e infiammazione

A livello tissutale, il tumore non è solo un gruppo di cellule tumorali ma un insieme di cellule tumorali e cellule sane associate al tumore che contribuiscono al suo sviluppo, come cellule endoteliali, macrofagi e fibroblasti . Questa associazione di diverse cellule forma un ambiente complesso che si evolve in base al comportamento delle cellule che lo compongono: è il microambiente tumorale. Le cellule sane associate al tumore svolgono un ruolo importante nello sviluppo dei tumori fornendo funzioni che le cellule tumorali non possiedono o stimolando le capacità acquisite dalle cellule tumorali.

Ad esempio, le cellule endoteliali consentono la vascolarizzazione del tumore e i macrofagi stimolano la proliferazione e la sopravvivenza delle cellule tumorali. Le cellule sane vengono reclutate nel tumore da fattori secreti dalle cellule tumorali che attraggono naturalmente cellule sane al tumore, come il VEGF, che consente la vascolarizzazione del tumore stimolando le cellule endoteliali. L'infiammazione causata dalle cellule tumorali facilita anche il reclutamento di cellule che aiutano a far progredire l'oncogenesi. L'infiammazione occupa quindi una posizione importante nella costituzione del microambiente tumorale, che è decisiva per la progressione dell'oncogenesi.

Dr. Ph. Lagarde

PUBBLICITÀ

kitoncologicoBig

Prodotti naturali in grado di ridurre del 70% gli effetti collaterali della chemioterapia.

images

 KIT BASE PER SOSTEGNO DURANTE LA CHEMIOTERAPIA

 KIT COMPLETO PER SOSTEGNO DURANTE LA CHEMIOTERAPIA

Leggi altri articoli 

PREVENZIONE DEL TUMORE

CAUSE DEL CANCRO

...Oppure Contattaci

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Oggetto

Il tuo messaggio

Per approfondimenti e maggiori informazioni sul tumore al seno e sulle cure ad oggi disponibili visita il portale www.vivereconilcancro.it

Condividi
Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Email this to someone

Nessun commento ancora

Lascia un commento