COME RIDURRE GLI EFFETTI COLLATERALI DEGLI ANTICORPI MONOCLONALI

TUMORI, COME RIDURRE GLI EFFETTI COLLATERALI DI QUESTE NUOVE ARMI: ANTICORPI MONOCLONALI

L'efficacia interessante degli anticorpi monoclonali durante il trattamento di molti disturbi ematologici non dovrebbe farci dimenticare che, come tutti i farmaci, possono causare effetti collaterali. Nel caso di tumori non ematologici, se la loro efficacia è lontana dall'essere soddisfacente, non rimane altro che la tossicità. Gli effetti collaterali sono correlati sia alla natura dell'antigene bersaglio dell'anticorpo monoclonale che alla molecola (in particolare alla chemioterapia) che è eventualmente associata ad esso. Le reazioni più frequenti si osservano durante l'infusione (soprattutto la prima) e corrispondono a un massiccio rilascio di citochine (le citochine sono glicoproteine, molecole composte da carboidrati e proteine, alcune delle quali sono prodotte naturalmente da alcuni tipi di globuli bianchi e sono in grado di comunicare tra loro per generare reazioni globali). Queste reazioni sono, fortunatamente, il più delle volte benigne. Sindromi da lisi tumorale possono verificarsi anche in caso di elevata massa tumorale. Infezioni correlate alla deplezione dei linfociti T (infezioni opportunistiche virali o parassitarie) o neutropenia (infezione batterica) complicano in modo specifico l'uso di alcuni anticorpi monoclonali. Più raramente, gli squilibri di diverse sottopopolazioni di linfociti possono portare a citopenia autoimmune.

Quali sono gli effetti collaterali degli anticorpi monoclonali a lungo termine?

La tecnologia medica continua a ricercare e sviluppare nuovi farmaci per gestire meglio le malattie gravi, spesso difficili da trattare. Diversi prodotti e molecole stanno facendo il loro ingresso nel campo medico; se  la loro efficacia può alle volte essere una risorsa non trascurabile per i medici, gli effetti collaterali esistono comunque e non hanno nulla da invidiare a quelli causati dalla chemioterapia convenzionale, anche se a volte sono diversi.

Un anticorpo è una sostanza in grado di riconoscere una molecola specifica e mirata; di solito vengono prodotti a livello del corpo durante le reazioni del sistema immunitario contro un’aggressione. Gli anticorpi monoclonali sono molecole sintetizzate sotto forma di farmaci essenzialmente usati oggi per combattere gli antigeni tumorali. Il problema rimane che molte cellule maligne non presentano antigeni e quindi non sono riconosciuti dagli anticorpi e sfuggono al trattamento.

Questi prodotti sono quindi coinvolti nel trattamento di diversi tipi di cancro. Il loro uso è spesso associato alla chemioterapia e permette  di rallentare o far regredire la malattia, almeno momentaneamente. Gli effetti collaterali a lungo termine riguardano la natura del farmaco, il suo meccanismo d'azione e l'antigene bersaglio. La valutazione dell'efficacia e degli effetti collaterali degli anticorpi monoclonali a lungo termine rimane quasi sconosciuta.

 La tossicità è diversa da un medicinale all'altro.

- Problemi infettivi legati a una diminuzione graduale dei linfociti coinvolti nella difesa immunitaria

- Patologie ematologiche: neutropenia, citopenia

- Patologie epatici

- Problemi renali

Tuttavia, solo il medico è in grado di valutare i rischi e i benefici del trattamento con anticorpi monoclonali, tenendo conto di diversi fattori come la gravità del cancro, i fattori legati al paziente (età, sesso, storia, ...) ... perché ogni caso è unico.

- Quanto alla tolleranza generale, è molto variabile a seconda del prodotto utilizzato: vomito, eruzioni cutanee, febbre alta, diarrea, ecc.

L'ideale è PREVENIRE i problemi dove possibile. Per questo, dobbiamo conoscere la diagnosi esatta, l'anticorpo utilizzato e il tipo di chemioterapia associata, se questo è il caso, perché come abbiamo già detto, ogni prodotto ha una sua tossicità.

Inoltre, le condizioni generali e la storia del paziente sono importanti da sapere. Per esempio se il paziente ha problemi cardiologici, un passato di sovraccarico epatico (epatite), insufficienza renale, consapevolmente possiamo, in anticipo, sostenere organi già indeboliti.

 Il trattamento di base raccomandato per tutto il periodo di trattamento può essere riassunto come segue:

Prevenire o ridurre nausea e vomito:

  • Un drenante naturale a base di erbe, carciofo, cardo mariano, finocchio, Taraxacum ....
  • Complesso B (senza B12)

Sostenere il fegato:

  • Attenzione al cibo
  • DESMODIUM Tisana
  • ALFA GLUTATHION 3 capsule al giorno

Stato generale

  • Piante adattogene (REVITA °)

Perdita di capelli:

  • SILICIO 2 dosi al mattino prima di colazione
  • FISIATOP 1 dose al giorno lontano dai pasti
  • GINKO BILOBA e Vite rossa 2 cucchiai in acqua prima di un pasto

tachicardia

  • OMEGA 3-6-9 3 capsule al giorno
  • Vit. E NATURAL 300mg al giorno

Eruzione cutanea

  • . Vitamina naturale A 2000 U.I al giorno

Sostenere i reni

  • Bere
  • DESMODIUM

Proteggere il midollo osseo

  • Estremamente difficile
  • SEROCYTOL SRE 1 supposta alla settimana
  • Melatonina 2 mg al giorno

Aiutare il sistema immunitario

  • Selenio-zinco

PER MAGGIORI INFORMAZIONI puoi contattare Vita Complex Srl 0549909299.

Philippe LAGARDE

PUBBLICITÀ

 

foto Kit chemioterapia completo SENZA FISIATOP

 

Prodotti naturali in grado di ridurre del 70% gli effetti collaterali della chemioterapia.

images

 KIT BASE PER SOSTEGNO DURANTE LA CHEMIOTERAPIA

 KIT COMPLETO PER SOSTEGNO DURANTE LA CHEMIOTERAPIA

Leggi altri articoli 

PREVENZIONE DEL TUMORE

CAUSE DEL CANCRO

...Oppure Contattaci

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Oggetto

Il tuo messaggio

Per approfondimenti e maggiori informazioni sul tumore al seno e sulle cure ad oggi disponibili visita il portale www.vivereconilcancro.it

Condividi
Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Email this to someone

Nessun commento ancora

Lascia un commento