CAPIRE IL RUOLO DEI METALLI NELL’ORGANISMO UMANO

CAPIRE IL RUOLO DEI METALLI NELL’ORGANISMO UMANO

Sono tossici o portano benefici ?

Sig.ra g………

« Non capisco, il mio medico mi consiglia di prendere dei metalli (rame, oro-argento-selenio), e poi si sente parlare di intossicazione da metalli, che minaccia l’umanità, dei metalli tossici contenuti nei vaccini. Non ci capisco più niente ! »

Fin dall’origine della vita, i metalli erano presenti sotto forma di traccia nel mare originario dove le cellule viventi sono apparse. Infatti, l’acqua del mare ed il plasma sono simili. Questi metalli possono, secondo la forma che assumono, essere salutari ed anche indispensabili alla salute degli esseri viventi. Pertanto, si possono distinguere 2 forme di tracce metalliche nell’essere vivente :

Gli oligoelementi essenziali, indispensabili alla salute ed al rischio di carenza dimostrato nell’uomo : iodio, ferro, rame, zinco, selenio, cromo, molibdeno (fluoro), manganese, silicio, vanadio, nichelio, stagno, (cobalto*). Possiedono due funzioni importanti : catalizzazione e contributo al messaggio ormonale, funzioni che costituiscono la base dell’azione degli oligoelementi.

Questi metalli non appaiono mai allo stato di ioni liberi nell’organismo ; sono assorbiti, trasportati, messi in riserva ed agiscono legati ad una proteina.

Alcuni oligoelementi entrano a far parte della struttura delle vitamine.

Per esempio, il cobalto complesso  entra nel ciclo della vitamina  B12.

Altri, come lo Zinco, penetrano addirittura il DNA cellulare.

Il modo d’azione degli oligoelementi verso gli ormoni è molto diversificato. Possono, ad esempio, fungere da cofattori d’enzima alla sintesi di molecole ormonali.

Questi oligoelementi possono essere utilizzati nelle terapie allopatiche o ancora omeopatiche.

Il Dott. J. MENETRIER, riprendendo nel 1932 le ricerche di Gabriel Bertrand, ha elaborato delle soluzioni di diversi oligoelementi e definito un metodo terapeutico : l'oligoterapia. La sua terapeutica dei biocatalizzatori fu condannata dal Consiglio dell’ordine Francese nel  1954 ed il suo nome venne inserito nella lista degli scienziati sottoposti all’inquisizione medica che non perde occasione per rendersi ridicola. Da allora, la scienza gli ha dato ragione, ben 20 anni più tardi. E’ deceduto nel 1986.

 Zinco, Oro, Selenio, Rame e Argento ottimizzano anche il sistema immunitario.

«  I marcatori dell’immunità sono, ad esempio, migliorati con delle integrazioni di Zinco e Selenio»,

« Essendo le quantità fornite dalle specialità dell’oligoterapia nella misura di milligrammi o microgrammi, il rischio di sovradosaggio è quasi nullo, e si può somministrare anche al bambino a partire dai 3-4 anni »

Come già detto, il plasma sanguigno e l’acqua di mare sono praticamente identici. Il miglior metodo per ricaricarsi in oligoelementi è semplicemente di  bere acqua di mare.  Nel 1904, René QUINTON sarà il primo ad usare l’acqua di mare in IV, riuscendo così a salvare la vita a migliaia di persone.  E’ stato accertato che gli oligoelementi sono associati alle cause di disfunzione organica.

I metalli sotto forma metallica, che portano il nome di  « metalli pesanti » ,

E’ la seconda forma di tracce metalliche  riscontrata in un organismo vivente.

« Metallo pesante » indica « qualsiasi composto  d'antimonio, arsenico, cadmio, cromo esavalente, rame, piombo, mercurio,  nickel, selenio, tellurio, tallio e stagno così come quei  materiali sotto forma metallica, che siano classificati come sostanze pericolose » (direttiva 67/548/CEE).

Questi metalli pesanti possono essere assorbiti dagli organismi  (per via alimentare, respiratoria, epidermica, attraverso medicine, amalgami, impianti dentistici e vaccini, etc.), accumulati in certi organi o tessuti e provocare a lungo termine disturbi estremamente gravi, persino mortali. Questi metalli pesanti rappresentano un pericolo per l’umanità.

I metalli pesanti rappresentano un grave pericolo per l’organismo che tenta di proteggersi imprigionando questi elementi nelle cellule grasse. Per eliminarli in tutta sicurezza, non è sufficiente estrarre i metalli pesanti dalle cellule, ma è necessario  assicurarsi che vengano presi in carico da altri elementi biochimici che si legheranno tra di loro e li porteranno fuori dall’organismo in modo efficace e sicuro.

I grandi « mungitori » dell’organismo ed in particolare il fegato  ed i reni contribuiranno a queste operazioni.

Alcuni medici adottano un metodo chiamato chelazione intravenosa che utilizza la capacità di alcuni composti chimici che si amalgano ai metalli pesanti tossici dell’organismo. Questi metalli pesanti saranno eliminati in seguito più facilmente attraverso l’apparato urinario.

Il metodo della chelazione intravenosa non incontra l’unanimità. La maggior parte dei naturopati consiglieranno di adottare una dieta ricca in alimenti riconosciuti per le loro proprietà di eliminazione degli elementi tossici dell’organismo, compresi i metalli pesanti, e di prendere certi integratori a base di piante, vitamine e minerali.

E’ il tema che affronteremo in un prossimo articolo :

«  Come liberarsi dei metalli pesanti »

PUBBLICITÀ

biocean isotonico in fiale

Il Biocean è acqua di oceano purissima, microfiltata e privata di qualsiasi batterio. E' ricca di 90 sali minerali ed elementi traccia. Semplicemente il miglior plasma marino per un apporto di magnesio, calcio, potassio, boro, selenio, silicio, fluoro, fosforo, zinco, iodio, molibdeno, rame, ferro, cromo. Clicca qui per saperne di più

Leggi altri articoli 

PREVENZIONE DEL TUMORE

CAUSE DEL CANCRO

...Oppure Contattaci

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Oggetto

Il tuo messaggio

Per approfondimenti e maggiori informazioni sul tumore al seno e sulle cure ad oggi disponibili visita il portale www.vivereconilcancro.it

Condividi
Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Email this to someone

Nessun commento ancora

Lascia un commento